Sono uno psicologo 
e promuovo il BENESSERE CONSAPEVOLE

Sono uno psicologo e promuovo il BENESSERE CONSAPEVOLE

Innanzitutto grazie per essere qui a visitare il mio profilo personale. 
Di seguito potrai trovare i motivi che mi hanno spinto ad interessarmi principalmente ad una psicologia del benessere consapevole.
Potrai leggere come sono giunto a definire i miei valori e scopi professionali e soprattutto perché ritengo che la CONSAPEVOLEZZA sia uno dei presupposti principali del BENESSERE.

LA MIA STORIA:

Sono in Italia da quando avevo 8 anni. I miei genitori, mia madre italiana e mio padre tedesco, lavoravano nel settore turistico e si sono conosciuti in Svizzera. In seguito, sono andati in Germania dove sono nato. Tre anni più tardi tornavano in Svizzera e, in seguito, in Italia. Questi spostamenti fra stati diversi, con lingue diverse, hanno determinato in me condizioni che descriverò in seguito che ritengo siano ora di valore, anche se, in alcuni momenti del mio percorso esistenziale, ciò ha causato momenti di incertezza e anche di sofferenza. 

Dei primi tre anni della mia vita non rammento molto ma i ricordi sono nitidi dai 4 anni in avanti. A quei tempi ero in Svizzera e i miei genitori lavoravano in un paese di cui non dirò il nome, altrimenti potrebbe sembrare una pubblicità, ma di cui posto la foto qua sotto. Si tratta di un luogo di vocazione turistica, sia invernale che estiva, situato su un altopiano, a 1500 metri sul livello del mare. Vi sono diversi laghetti e zone boschive e ampi prati verdi. D’inverno si può salire ancora più in alto, con impianti a fune, per sciare.  

Era un luogo tranquillo, immerso in una bellissima natura, dove regnava la pace. Mi trovavo spesso, nonostante fossi un bambino di quattro anni, a vagare da solo nei prati e nei fitti boschi di pini, mentre i miei genitori erano impegnati al lavoro. Camminando sui muschi e sul terreno soffice, in mezzo agli alberi e al loro profumo, sono entrato intimamente in contatto con qualcosa di profondo e che potrei definire di primitivo. Una recondita connessione con la natura e gli elementi che si è rivelata fondamentale nella mia vita e che ha trovato numerosi riscontri. Avendo un’indole riflessiva, già all’età di 5 anni ho memoria delle innumerevoli domande che mi ponevo per le quali non trovavo risposte se non nella rassicurante accoglienza della natura che mi circondava. Questo è stato determinante nel farmi acquisire quella CONSAPEVOLEZZA che, ora, ritengo sia importante al fine del raggiungimento del BENESSERE ma le vere motivazioni le troverai più avanti.

All’età di 8 anni i miei genitori si spostarono dall’altra parte della montagna e mi ritrovai in Valle d’Aosta, cioè in Italia. Imparando la lingua, gli usi e i costumi, iniziai a comprendere quanto le varie culture, di paesi diversi possono distinguersi in relazione alle tradizioni radicate nei luoghi. Questo mi permise, già durante l’infanzia, di intuire quanto la verità e i punti di vista, delle singole persone, possano essere diverse tra loro e da quelle della comunità stessa nel suo insieme.

Fino all’età 13 anni mi trovai, sempre seguendo l’attività alberghiera dei miei genitori, a cambiare nuovamente luogo di residenza, ma questa volta rimanendo nella stessa regione. Conoscendo la moltitudine di avventori dell’hotel, nonché i frequentatori del bar e del ristorante avevo modo di ampliare continuamente la mia conoscenza degli aspetti caratteriali e comportamentali delle persone.

I miei genitori erano impegnatissimi nel condurre un’esistenza dedita al lavoro con l’albergo. Non riuscivo a concepire la loro vita di sacrificio e dedizione senza dare opportuno spazio al loro benessere. Nel mentre che li aiutavo passavo il tempo ad interrogarmi sul senso della vita mi ritrovai spossato dalla continua ricerca di una risposta. Ormai quasi esausto, ebbi un'intuizione (in psicologia un insight). Feci un ragionamento che mi pareva pervaso dalla logica. Pensai che l’esistenza fosse un dato di fatto e mi resi conto che non dipendeva da me. Esistevo non perché l’avevo voluto. Quindi, presi coscienza di alcuni fatti inequivocabili: 

1 - siamo fatti di energia e apparteniamo ad un tutto universale

2 - siamo una parte del tutto e quindi la materia di cui siamo composti conosce le leggi stesse del tutto a cui apparteniamo

3 - se esistiamo e facciamo parte di quel tutto, la nostra vita ha un senso che si estrinseca           nell'esistenza stessa

A questo punto accettai l’esistenza nel rispetto di me stesso e della natura che mi circondava. Iniziai subito a volermi maggiormente bene. Infatti, formulati questi pensieri sperimentai una pace interiore che mi pervase e sostituì quella, continua e fastidiosa, ansia che mi accompagnava nella ricerca di risposte. Mi ritrovai a passeggiare nella natura e a rendermi conto del mio bioritmo che si stava ri-connettendo ad una cadenza universale dalla quale, la preoccupata esigenza di risposte, mi aveva fuorviato.

Ero tornato in connessione con la natura nella quale, già da bambino, mi immergevo e da cui traevo quella piacevole sensazione di BENESSERE. Un ritmo pulsante, come il battito cardiaco, che è regolato dalle vibrazioni di quel tutto a cui apparteniamo.
Infatti, Siamo una porzione di materia che ha preso coscienza di sé ma che fatica a concepire la coscienza dell’insieme a cui appartiene.

Una volta raggiunta la consapevolezza di voler condurre un’esistenza nella quale vi fosse spazio per coltivare un maggior benessere decisi di allontanarmi dalla vita sacrificata che conducevano i miei genitori, nonostante volessero che proseguissi la loro attività, decisi di trovarmi un lavoro e di andarmene da casa a soli 20 anni.

Mentre lavoravo e godevo dei miei momenti liberi scorrazzando in motocicletta il più possibile, dalla montagna al mare, mi resi conto di nutrire una forte esigenza di capire i meccanismi del pensiero umano e, soprattutto, di VERIFICARE SE LE MIE INTUIZIONI AVESSERO DAVVERO SENSO.

Premettendo che queste intuizioni adolescenziali avevano nettamente migliorato la qualità della vita che conducevo, non ero ancora soddisfatto e volevo avere maggiori conferme. Per questo iniziai a leggere libri di psicologia e, ogni volta mi capitasse in mano qualche testo attinente lo divoravo avidamente. Allora ero affascinato dagli aspetti linguistici in relazione all’astrazione del pensiero e mi interessai agli scritti di Jacques Lacan, ai concetti espressi dalla Programmazione Neuro Linguistica con le tecniche di riformulazione del pensiero di Richard Bandler e John Grinder e mi avvicinai al metodo Schultz di Training Autogeno come tecnica di rilassamento.
Questi autori esprimevano perfettamente concetti che corrispondevano ai pensieri che avevo formulato, fin da bambino. Ciò che più mi affascinava era il fatto che veniva descritta una realtà da noi interpretata in maniera soggettiva. In altre parole e in estrema sintesi, risulta che ciò che è vero per alcuni può essere falso per altri. Questo avviene perché quando guardiamo il mondo, e noi stessi, formuliamo interpretazioni. Si tratta quindi di mappe mentali che non potranno mai corrispondere perfettamente alla realtà ma che ne saranno sempre, e solo, una riproduzione.
In ogni caso, la mia autonomia finanziaria dipendeva dal lavoro e la formazione che portavo avanti era quella di un autodidatta. Dopo varie esperienze e la nascita di mio figlio seppi che in Valle d’Aosta era stata istituita una Facoltà di Psicologia. Era il momento giusto per poter trasformare la mia passione in qualcosa di più concreto e, nonostante la contrarietà delle persone a me vicine assieme alle difficoltà legate al lavoro, decisi di iniziare il percorso di studi universitario. Non è stata cosa facile anche perché, fintanto che si acquisisce una conoscenza per interesse va tutto bene, i problemi nascono quando devi fare degli esami con una valutazione per dimostrare di sapere. Tuttavia la spinta interiore era forte e il sacrificio di intere giornate di riposo e di ferie per lo studio erano l’unica opzione, per me, possibile.
La psicologia è una scienza e come tale studia il funzionamento umano dai punti di vista biologico, del pensiero e sociale. Ogni teoria è, perciò, avallata da metodologie di ricerca scientifiche. Il mio interesse, però andava oltre, e volgeva lo sguardo verso l’interpretazione della realtà, verso la soluzione dei problemi pratici della vita e l’esigenza di riuscire a trovare le risposte esaurienti ai perché dell’esistenza stessa.
Da questo punto di vista ho trovato un riscontro negli studi di CARL GUSTAV JUNG, Psichiatra e Filosofo svizzero e in concetti da lui espressi quali l’inconscio collettivo, gli archetipi e la sincronicità. Incontrare Jung è stato davvero illuminante e, in relazione ai miei pensieri di adolescente ho ritrovato, negli scritti di questo studioso, numerosi riscontri e conferme di quel “tutto universale” a cui ritengo facciamo parte. Risulta, infatti, che per elevarsi ad una migliore condizione di benessere possa essere determinante la capacità umana di motivarsi e di riferirsi a valori e scopi che, oltre a poter essere inseriti nel contesto della natura universale, risultano sempre di elevato valore.

Per studiare gli aspetti legati alla volontà e alle intrinseche capacità umane, ho voluto sviluppare la tesi di laurea triennale sull’argomento dell’effetto placebo. Quest’ultimo risulta essere un fenomeno che dimostra quanto la suggestione possa determinare un miglioramento del benessere in quanto a condizioni di salute. Proseguendo in questa direzione, durante gli studi per la laurea specialistica magistrale in psicologia, ho avuto modo di conoscere la pratica della
  MINDFULNESS e di come quest’ultima si caratterizzi, innanzitutto, dal fatto che esiste una regolazione naturale ed efficace dei ritmi vitali umani che, se opportunamente seguiti mediante un’acquisita CONSAPEVOLEZZA, possono migliorare il benessere e anche alleviare il dolore fisico. Si tratta degli stessi principi che determinano l’efficacia delle tecniche di TRAINING AUTOGENO. Gli argomenti del BENESSERE e della CONSAPEVOLEZZA sono, quindi, risultati i miei principali interessi in tutto il percorso universitario perché si riferivano a quelle esperienze di vita da me sperimentate fino da bambino. L’interesse è stato così forte da permettermi di studiare mentre avevo già di un impiego, anche ben remunerato, pur di proseguire nell’ampliamento e nella comprensione degli stessi argomenti. Infatti, al termine del percorso di Laurea Specialistica, ho voluto sviluppare una tesi sul BENESSERE e sull’importanza della CONSAPEVOLEZZA nella definizione del percorso lavorativo di un individuo al fine di migliorare la sua qualità della vita e, di conseguenza, il benessere anche ad un livello più diffuso dal punto di vista sociale. Conseguita la laurea, effettuato il tirocinio di un anno e superato l’esame di stato, ho proseguito conseguendo un’ulteriore formazione nell’ambito della MINDFULNESS e anche in relazione alle PSICOLOGIE NON STRUTTURALISTE. Queste ultime si basano proprio su concetti che esprimono la centralità della modalità interpretativa della realtà che, assieme alla CONSAPEVOLEZZA DELLE PROPRIE RISORSE, permettono di raggiungere un miglior benessere seguendo una logica centrata sulle soluzioni piuttosto che sulla rielaborazione dei problemi, proprio perché, i problemi stessi, sono la conseguenza di un’interpretazione soggettiva. Parallelamente a quelli che sono stati gli studi sugli argomenti sino a qui esposti, ho voluto ancora approfondire altri aspetti che riguardano LA CONSAPEVOLEZZA di appartenere a quest’entità universale, che ha delle regole ben precise, alle quali il nostro organismo e la nostra psiche si riferiscono e questo è dimostrato dal ritmo sonno veglia, dall’omeostasi corporea, dal battito cardiaco e da molteplici altri riscontri. Tuttavia, ritengo che in questa sede sarebbe troppo complesso, nonché inopportuno, approfondire tali argomenti se non per farvi un accenno specificando che, per questo, mi riferisco ai riscontri delle moderne neuroscienze e della fisica quantistica.

COSA FACCIO:

Sono, quindi, uno Psicologo di riferimento olistico, non strutturalista centrato sulla soluzione e di ispirazione Junghiana. Promuovo il BENESSERE PSICOLOGICO mediante la soluzione di problemi della vita, gestione delle emozioni e conoscenza di sé.
Attento agli aspetti della salute legati all'equilibrio interiore e orientato alla gestione dello stress, dell'ansia e del disagio esistenziale mediante il potenziamento delle risorse personali.
Da sempre interessato alla Programmazione Neuro Linguistica e alla Psicologia Analitica Junghiana,
dopo aver conseguito Laurea magistrale in Psicologia ho ampliato le mie competenze negli ambiti della Mindfulness, del Training Autogeno e delle Psicologie Non Strutturaliste.
In quest'ultimo ambito ho acquisito una formazione in Terapia Orientata alla Soluzione e Terapia Narrativa.
Il modello di Terapia Psicologica che promuovo si basa, quindi, sul sostegno, l'abilitazione e la riabilitazione, partendo dal potenziamento delle competenze e della creatività mediante tecniche psicologiche immaginative, narrative e con l'uso della Simbologia Archetipica.
Lo scopo consiste nella ricerca e nella scoperta delle risorse interiori per trovare soluzioni in maniera congrua, efficace e, soprattutto, riferite alle reali esigenze soggettive.

VIDEO GRATUITO:
Ecco come anche tu puoi STARE BENE tramite UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA

- Senza soffrire insistendo sul    problema ma trovando              nuove soluzioni.
- Senza cercare un                          cambiamento impossibile 
  ma giungendo ad una
  trasformazione che possa        valorizzarti.

VIDEO GRATUITO:
Ecco come anche tu puoi STARE BENE tramite UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA
- Senza soffrire insistendo sul problema ma trovando nuove soluzioni.
- Senza cercare un cambiamento impossibile ma giungendo ad una
   trasformazione che possa valorizzarti.
In questo video ti darò dei preziosi consigli per:
  • Imparare il modo più semplice per STARE BENE. Potrai farlo senza CAMBIARE ma TRASFORMANDOTI. Così le tue difficoltà diventeranno risorse.
  • IL SEGRETO per gestire e andare finalmente d'accordo con le tue emozioni per utilizzarle al meglio.
  • Come raggiungere un MIGLIOR BENESSERE grazie ad una MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA.
Alla fine del video, se vorrai, potrai candidarti ad una CHIAMATA STRATEGICA GRATUITA
nella quale faremo una analisi di cosa ti separa da un miglior BENESSERE.